Menu

Il Peloponneso per noi!

Settembre 5, 2013 - Europa
Il Peloponneso per noi!

La Grecia è diventata la nostra seconda casa ormai. Amiamo i suoi paesaggi, il suo buon cibo, le sue culture e i suoi abitanti. E quest’anno per le vacanze estive abbiamo scelto il Peloponneso. Queste le località che abbiamo visitato. Eh sì, abbiamo dovuto scegliere: l’isola è grande e ce la vogliamo godere senza dover correre da un punto all’altro.

KALAVRITA. Dopo la traversata Brindisi – Igoumenitsa, subito a sud direzione Patrasso. Attraversato il famoso ponte Rion Antirion (dal nome delle due città che collega) mancano solo 80 km per Kalavrita. Si tratta di una località montana posta a 756 mt sul livello del mare, famosa d’inverno per gli sport sciistici, ma anche per un brutale evento avvenuto nel 1943, quando i nazisti ne uccisero tutta la popolazione maschile superiore a 15 anni. Sulla vecchia cattedrale si può vedere l’orologio con le lancette ferme alle 2.34, l’ora della carneficina. Andiamo anche a visitare il monumento ai martiri, una croce bianca, posta su di una collina. Se come noi deciderete di visitare questo paesino non dimenticate di fare un giro sul trenino che lo collega a Diakofto. Bellissima esperienza: il trenino attraversa la Gola di Vouraikos, sale fino ad un’ altezza di 700 mt aggrappandosi letteralmente alle rotaie dentate.

KALAMATA. La Gallipoli greca: tanta confusione, tanti giovani, meta turistica degli stessi greci. Se decidete di visitarla in Agosto, prenotate o come noi non troverete nulla o solo delle bettole. Il mare non è niente di eccezionale, abbiamo deciso di andare a vedere le cascate di Polilimnio.

PYLOS. Raggiunta per andare a fare il bagno a Voidokilia. Si parcheggia in uno sterrato e dopo pochi metri si raggiunge questa baia bellissima. La sabbia forma una mezza luna e arrampicandosi sul promontorio la visuale è stupenda.

METHONI. Cittadina fortificata veneziana.

MYSTRAS. Ci dirigiamo al secondo dito, direzione Mystras, passando da Kalamata per poter attraversare il bellissimo Langada Pass. Sono 59 km di strada che collega Kalamata a Sparta attraversando i Monti Taigeto. Bellissimo paesaggio, tanti tornanti fino all’altezza massima di 1524 mt. Ci fermiamo a visitare le rovine di Mystras, divise tra zona alta e zona bassa. Arriviamo in moto al parcheggio della zona alta e si scende in circolo, con un panorama mozzafiato sulla zona di Sparta. Riprendiamo la moto e si scende all’ entrata sud (conservate il biglietto). In questa zona si trova un convento, gestito da monache e uniche abitanti della città antica; il Monastero di Perivleptos scavato nella roccia.

AEROPOLI. Scendendo lungo il secondo dito ci fermiamo ad Aeropoli, dove abbiamo fatto uno dei bagni pù belli. Il paesino si trova sul mare e tra gli scogli l’acqua è cristallina. Nelle vicinanze un’altro paesino caratteristico, Limeni, dove anche qui non abbiamo resistito ad un tuffo rinfrescante.

ELAFONISI. Oggi raggiungiamo il terzo dito e scendiamo a Pounta, dove prendiamo il traghetto per l’isola. E’ molto piccola, ma in compenso ha delle spiagge meravigliose: sabbia bianca e mare cristallino, sembra di essere ai Caraibi. Dedichiamo la giornata completamente al mare e ci rilassiamo sotto al sole e tra le acque della Simos Beach.

MONEMVASIA. Roccia gigantesca nel mare, comprende sia il borgo medievale che la cittadina di Gefyra sulla terraferma. Visitiamo Kastro, il borgo medievale, una lunga passeggiata tra le sue stradine e lungo le mura a picco sul mare. Ci è piaciuta molto e, come sempre, anche un tuffo c’è stato bene!

NAFPLIO. Iniziamo la risalita e il nostro purtroppo rientro. Anche questa una bellissima cittadina dove perdersi tra stradine strette, edifici stile veneziano, palazzi e un piccolo porto dove si trova la Fortezza di Palamede.

CANALE DI CORINTO. Se andate nel Peloponneso, non potete mancare di vedere il famoso Canale. Largo solo 23 mt e 90 mt di pareti verticali costruito da 6000 ahimè prigionieri.

Alcune considerazioni. Il Peloponneso è grande e se amate vivere i luoghi, non potrete vederlo tutto. Scegliete le località che più vi interessano e vivetele come un greco, con molta serenità e quella lentezza che contraddistingue il passare delle giornate in questi luoghi. Poi non fate come noi…fate sempre un doppione delle vostre foto…perchè le nostre proprio quelle del Peloponneso le abbiamo perse, ecco il motivo del mio link sui nomi delle città, alle immagini di Google… ufffff!!!

Buona strada a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *